logo sisv

login

nome

password

Fitosociologia numero 43 (1)

pag. 39-53: Studio della vegetazione infestante e del verde ornamentale nel Parco Archeologico di Akrai (Palazzolo Acreide, SR) finalizzato alla conservazione ed alla valorizzazione dei manufatti architettonici

A. Guglielmo1, P. Pavone1 & V. Tomaselli2

1Dipartimento di Botanica, Università di Catania, Via A. Longo 19, 95125 Catania; e-mail: pavone@dipbot.unict.it; guglielmo@dipbot.unict.it
2C.N.R., Istituto di Genetica Vegetale, Via G. Amendola 165/a, 70126 Bari; e-mail: valeria.tomaselli@igv.cnr.it

Download articolo completo

abstract

Viene presentato uno studio condotto sulla vegetazione infestante e sul verde ornamentale presenti nell’area archeologica di Akrai (Palazzolo Acreide, Siracusa). L’analisi, condotta con metodo fitosociologico, ha permesso di individuare diverse tipologie vegetazionali, riferibili alle classi Parietarietea judaicae, Adiantetea capilli-veneris, Stellarietea mediae (Brometalia rubenti-tectori, Geranio-Cardaminetalia hirsutae), Polygono-Poetea annuae, Helianthemetea guttatae, Lygeo-Stipetea (Bromo-Oryzopsion miliaceae), Rhamno-Prunetea. Sulla base di questa analisi e valutando lo spettro biologico di ciascuna fitocenosi, oltre che la presenza di specie ad alta pericolosità, è stato valutato l’impatto della vegetazione sulle strutture archeologiche.

Il problema del controllo della vegetazione si scontra, almeno in parte, con l’esigenza del mantenimento di alcune specie di particolare pregio estetico o fitogeografico, come Antirrhinum siculum Miller, Capparis spinosa L.e Calendula fulgida Rafin.

keywords

archaeological areas, Akrai, biodeterioration, phytosociology, ruderal vegetation, Sicily