logo sisv

login

nome

password

Biodiversità nelle Marche. Un contributo al cambiamento pdf

17 dic 2010

 

L’aver dedicato il 2010 quale Anno Internazionale della Biodiversità ha rappresentato un’importante occasione per spostare l’osservazione dall’analisi di una più generica questione ambientale, che ha come capisaldi gli obiettivi della sua salvaguardia e della promozione, verso chi realmente fruisce della qualità delle nostre politiche e delle nostre scelte: le forme di vita.
Le attività organizzate dalla Regione Marche, dai workshop itineranti alla pubblicazione di un prezioso volume dedicato, hanno costituito importanti momenti di approfondimento atti a declinare in termini “marchigiani” la nostra ricca fonte di Biodiversità.
La Regione Marche, per le sua caratteristiche geologiche, ambientali, faunistiche, floristiche, è un prezioso patrimonio di Biodiversità, da tutelare in un’ottica di “conservazione innovativa”. Su quest’ultimo passaggio mi vorrei soffermare, perché credo sia l’elemento chiave della questione: questo è uno di quei rarissimi casi in cui il successo del nostro impegno non si misura in termini di crescita del fattore in studio, ma in termini di conservazione dello stesso.
Più saremo in grado di mantenere intaccato il nostro habitat, maggiormente preserveremo e rispetteremo la Biodiversità dei nostri luoghi, consentendone la naturale evoluzione.

Sandro Donati
Assessore all’Ambiente – REGIONE MARCHE